Voi siete qui

Diritto d'autore e Internet

indice paragrafi

Misure tecnologiche di protezione

Si tratta di strumenti di tipo tecnico- informatico per impedire o limitare azioni sull’opera non autorizzate dai titolari dei diritti: si tratta di solito di misure antiaccesso e/o anticopia.
Essi possono contenere anche informazioni sul regime dei diritti e sulle condizioni e i termini di utilizzo dell’opera.
La legge ammette l’utilizzo di tali misure tecnologiche e sanziona ogni atto o strumento volto alla loro elusione, rimozione, alterazione.


I siti web

I siti internet, purché dotati di carattere di originalità e creatività, sono considerati opere dell’ingegno e come tali ad essi si applicheranno le disposizioni in materia di tutela del diritto d’autore.
E’ piuttosto frequente che le condizioni di utilizzo dei materiali presenti nel sito siano rese esplicite attraverso una licenza (ad esempio una licenza Creative Commons) o un testo di copyright.
In assenza di dichiarazioni esplicite viene applicata la legge sul diritto d’autore e dunque ogni utilizzo dei materiali del sito è soggetto all’autorizzazione dell’avente diritto.

Due forme particolari di utilizzo sono il deep linking (link ad una pagina di un sito web diversa dalla Home page) che non è sempre lecito, soprattutto se nella pagina linkata non sono evidenti le condizioni di utilizzo e il framing (il fare apparire una pagina di un altro sito nella pagina del sito richiamante all’interno di una cornice che rispecchia le caratteristiche di quest’ultimo), questo secondo caso è decisamente una violazione del diritto d’autore in quanto la cornice grafica nasconde gli elementi caratterizzanti del sito linkato occultando la paternità dei contenuti.


Le licenze Creative Commons

Le licenze Creative Commons sono degli strumenti per la gestione dei diritti (soprattutto in ambito digitale) che  si collocano in posizione intermedia fra il regime del copyright (“Tutti i diritti riservati”) e quello del pubblico dominio (“Nessun diritto riservato”), adottando la formula più bilanciata di “Alcuni diritti riservati”.


Con una licenza CC, l’autore rinuncia ad alcuni dei diritti di sfruttamento economico rendendoli espliciti agli utilizzatori e consentendo una serie di utilizzi della propria opera più o meno ampi a seconda del tipo di licenza. Sono 6 i tipi di licenza attualmente disponibili per l’Italia e sono rinvenibili all’URL http://www.creativecommons.it/Licenze[apre una nuova finestra] .

Per informazioni sulle modalità di applicazione delle licenze vedi alla URL http://creativecommons.org/choose/?lang=it[apre una nuova finestra]