Prestito





Questa sezione del sito presenta le principali caratteristiche del servizio di prestito; per maggiori dettagli si vedano le FAQ in fondo alla pagina.


Gli utenti istituzionali dell’Ateneo e gli studenti e il personale delle università università convenzionate (Università degli Studi di Milano-Bicocca e Università dell’Insubria) possono accedere al prestito in tutte le biblioteche che forniscono il servizio. Gli utenti esterni possono richiedere l’ammissione al servizio di prestito di una o più biblioteche direttamente alle strutture di loro interesse.
In base ai regolamenti delle singole biblioteche, particolari fondi o categorie di documenti possono essere esclusi dal prestito per esigenze di conservazione o di razionale utilizzo delle collezioni.
Attraverso il Catalogo di Ateneo (Opac) è possibile localizzare i titoli di interesse e verificarne la condizione di prestabilità e l’eventuale disponibilità.


Per accedere direttamente al servizio è sufficiente recarsi, provvisti di un documento di identità, presso la biblioteca in cui il documento è conservato, dopo averne verificato gli orari di apertura.
Tutti gli iscritti alla Statale e tutto il personale possono inoltrare richieste di prestito direttamente dal catalogo autenticandosi con le credenziali della posta elettronica istituzionale; in questo caso i volumi devono poi essere ritirati presso la biblioteca in cui sono conservati, dove rimangono riservati per tre giorni lavorativi. Allo stesso modo è possibile prenotare libri in prestito ad altri utenti.



Autenticandosi all’Area personale del Catalogo con le medesime credenziali, i lettori possono inoltre controllare lo stato dei loro prestiti in tutte le biblioteche dell'Ateneo e provvedere al loro rinnovo in alcune di esse.

 

FAQ prestiti


indice paragrafi

Chi ha diritto al prestito a domicilio?

1. Gli studenti, i dipendenti (personale docente e personale tecnico amministrativo), i dottorandi, gli specializzandi, gli iscritti a master dell’Università degli Studi di Milano, secondo parametri definiti per area disciplinare.

2. Gli studenti Erasmus, i titolari di assegno di ricerca, i borsisti e i collaboratori certificati dell’Università degli Studi di Milano, previa iscrizione presso ogni singola biblioteca.

3. Gli studenti e il personale dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e dell’Università dell’Insubria, secondo le convenzioni  siglate con il nostro Ateneo, previa regolarizzazione dell’iscrizione presso ogni singola biblioteca.

4. Gli utenti esterni che dimostrino necessità di utilizzare per studio o ricerca il materiale depositato presso una delle biblioteche dell’Ateneo, previa garanzia da parte di un docente della Facoltà a cui la biblioteca afferisce (malleveria) o autorizzazione da parte del direttore della biblioteca stessa.


Posso prendere in prestito libri di biblioteche che afferiscono a una Facoltà diversa dalla mia?

1. Sì, se sei uno studente/dipendente dell’Università di Milano o uno studente/dipendente dell’Università di Milano-Bicocca o dell’Università dell’Insubria:

  • gli studenti, i dipendenti (personale docente e personale tecnico amministrativo), i dottorandi, gli specializzandi, gli iscritti a master dell’Università di Milano hanno diritto al prestito in tutte le biblioteche dell’Ateneo che hanno attivato il servizio;
  • gli studenti Erasmus, i titolari di assegno di ricerca, i borsisti e i collaboratori certificati dell’Università di Milano hanno diritto al prestito in tutte le biblioteche dell’Ateneo che hanno attivato il servizio, previa iscrizione presso ogni singola biblioteca;

  • gli studenti e il personale dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e dell’Università dell’Insubria hanno diritto al prestito in tutte le biblioteche dell’Ateneo che hanno attivato il servizio, previa regolarizzazione dell’iscrizione presso ogni singola biblioteca.

2. No, se sei un utente esterno.

Gli utenti esterni hanno diritto al prestito solamente nella  biblioteca che ha loro concesso una malleveria o un’autorizzazione.


Per quanto tempo posso tenere i libri presi in prestito?

 Per la definizione dei parametri relativi alla durata del prestito a domicilio le biblioteche principali (biblioteche d’area e biblioteche di settore autonome) sono state raggruppate in ambiti disciplinari omogenei:  

  • le principali biblioteche dell’area biomedica hanno fissato la durata del prestito a 20 giorni per tutte le categorie di utenti aventi diritto al servizio (3 volumi);
  • le principali biblioteche dell’area scientifica  hanno fissato la durata del prestito a 30 giorni per gli studenti/studenti Erasmus e gli utenti esterni (7 volumi), a 60 giorni per i dipendenti (personale docente e personale tecnico amministrativo), i dottorandi, gli specializzandi, i titolari di assegno di ricerca e i collaboratori certificati (20 volumi).
  • le principali biblioteche dell’area umanistica   hanno fissato la durata del prestito a 30 giorni per gli studenti/studenti Erasmus (numero di volumi definibile in base alle esigenze specifiche) e per gli utenti esterni (3 volumi), a 60 giorni per i dipendenti (personale docente e personale tecnico amministrativo), i dottorandi, gli specializzandi, i titolari di assegno di ricerca e i collaboratori certificati (numero di volumi definibile in base alle esigenze specifiche).

Indipendentemente dall’area disciplinare, alcune biblioteche prevedono una tipologia di prestito dalla durata ridotta per particolari categorie di materiale: testi d’esame, volumi a circolazione ridotta, video, ecc.

La durata può variare da 2 settimane, a pochi giorni, al regolare periodo di chiusura della biblioteca (prestito nel fine settimana e prestito notturno): per i dettagli è consigliabile fare riferimento alle singole strutture .

ATTENZIONE: le piccole biblioteche di dipartimento e i fondi librari possono offrire servizi che si discostano dallo standard d’Ateneo, in ragione della differente disponibilità di spazi e personale.


Quanti volumi posso prendere in prestito?

Per la definizione dei parametri relativi al prestito a domicilio le biblioteche principali (biblioteche d’area e biblioteche di settore autonome) sono state raggruppate in ambiti disciplinari omogenei:

  • le principali biblioteche dell’area biomedica  prestano 3 volumi a tutte le categorie di utenti aventi diritto al servizio (20 giorni);

  • le principali biblioteche dell’area scientifica  prestano 7 volumi a studenti/studenti Erasmus e utenti esterni (30 giorni), 20 volumi a dipendenti (personale docente e personale tecnico amministrativo), dottorandi, specializzandi, titolari di assegno di ricerca e collaboratori certificati (60 giorni);

  • le principali biblioteche dell’area umanistica  definiscono di volta in volta, in base alle esigenze specifiche, il numero di volumi prestabili a studenti/studenti Erasmus (30 giorni), dipendenti (personale docente e personale tecnico amministrativo), dottorandi, specializzandi, titolari di assegno di ricerca e collaboratori certificati (60 giorni); mentre hanno fissato a 3 volumi il parametro per gli utenti esterni (30 giorni).

Indipendentemente dall’area disciplinare, alcune biblioteche possono prevedere restrizioni al numero di documenti prestabili per particolari categorie di materiale: testi d’esame, volumi a circolazione ridotta, video, ecc.
Per i dettagli è consigliabile fare riferimento alle singole strutture.

ATTENZIONE: le piccole biblioteche di dipartimento e i fondi librari possono offrire servizi che si discostano dallo standard d’Ateneo, in ragione della differente disponibilità di spazi e personale.


Se ho già raggiunto il numero massimo di prestiti in una biblioteca, posso prendere in prestito libri di altre biblioteche dell’Ateneo?

 Sì. Il numero dei volumi che un utente può prendere in prestito viene calcolato separatamente per ogni biblioteca.


Cosa succede se restituisco in ritardo i volumi presi in prestito?

Gli utenti in ritardo, dopo l’invio del primo sollecito, vengono automaticamente sospesi dal prestito presso tutte le biblioteche dell’Ateneo fino alla restituzione dei volumi.

Al momento della restituzione, la biblioteca che ha effettuato il prestito può applicare un ulteriore periodo di sospensione, locale, definito in ragione del ritardo.

Agli studenti e ai dottorandi che, nonostante ripetuti solleciti, non abbiano provveduto a regolarizzare la loro posizione verrà temporaneamente sospesa la possibilità di richiedere certificazioni di carriera presso la segreteria, fino alla restituzioni dei volumi.


Cosa devo fare per accedere all’area personale e ai servizi online del catalogo (Opac)?

  • Sei uno studente, un dipendente (personale docente e personale tecnico amministrativo) o un dottorando dell’Università di Milano, e hai quindi un indirizzo di posta elettronica del tipo @unimi.it o @studenti.unimi.it?
    dopo aver selezionato “Login per utenti dell’Ateneo” dalla pagina di accesso all’area personale, puoi effettuare il login utilizzando le credenziali della posta elettronica istituzionale (username: nome.cognome; password: la password della posta).

  • Sei un assegnista, un borsista, uno studente iscritto a corso singolo, un docente o un ricercatore a contratto dell’Università di Milano e hai un indirizzo di posta elettronica del tipo @unimi.it o @studenti.unimi.it?
    prima di poterti autenticare ai servizi online del catalogo (Opac) devi recarti presso la tua biblioteca di riferimento per essere inserito nell’anagrafica delle biblioteche.
    Effettuata la procedura, potrai autenticarti con le credenziali della posta elettronica istituzionale (username: nome.cognome; password: la password della posta), dopo aver selezionato “Login per utenti dell’Ateneo” dalla pagina di accesso all’area personale.

  • Sei un utente dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca o dell’Università dell’Insubria?
    Se è il tuo primo accesso, prima di poterti autenticare ai servizi online del catalogo (Opac), devi recarti presso le biblioteche che intendi utilizzare e chiedere di essere abilitato.
    Effettuata la procedura, potrai autenticarti utilizzando le seguenti credenziali:
    dopo aver selezionato “Login per utenti Bicocca, Insubria e esterni” dalla pagina di accesso all’area personale, nel campo username devi inserire la tua matricola preceduta dal prefisso corrispondente al tuo profilo (istruzioni sotto il box di login), nel campo password devi inserire la tua data di nascita senza le barre (nella forma ggmmaaaa).
    La password per il primo accesso è provvisoria: il sistema ti chiederà di modificarla e di inserire una domanda di controllo utile a rigenerare autonomamente la password  nel caso dovessi dimenticarla (ti consigliamo di scegliere una domanda a cui saprai rispondere anche in seguito - ad es. "Qual è il nome del mio cane?”). ATTENZIONE: il tuo profilo online sarà attivo solamente per la biblioteca a cui hai chiesto l’abilitazione; per poter usufruire dei servizi di altre biblioteche del sistema dovrai chiedere l’abilitazione alle singole strutture.

  • Sei un utente esterno, registrato in biblioteca tramite malleveria o autorizzazione, o comunque non hai un indirizzo di posta elettronica del tipo @unimi.it o @studenti.unimi.it?
    Se è il tuo primo accesso, devi inserire username e password comunicati dalla biblioteca in cui ti sei fatto registrare, dopo aver selezionato “Login per utenti Bicocca, Insubria e esterni” dalla pagina di accesso all’area personale.
    La password per il primo accesso è provvisoria: il sistema ti chiederà di modificarla e di inserire una domanda di controllo utile a rigenerare autonomamente la password  nel caso dovessi dimenticarla (ti consigliamo di scegliere una domanda a cui saprai rispondere anche in seguito - ad es. "Qual è il nome del mio cane?”)

    ATTENZIONE: il tuo profilo online sarà attivo solamente per la biblioteca in cui ti sei fatto registrare.

A chi devo rivolgermi se ho dimenticato la password per accedere all’area personale e ai servizi online del catalogo (Opac)?

Gli utenti che accedono ai servizi  online del catalogo (Opac) con le credenziali della posta elettronica d’Ateneo (@unimi.it o @studenti.unimi.it) devono far riferimento alle indicazioni contenute nella FAQ (domande frequenti) della Divisione Telecomunicazioni:

per le caselle @unimi.it: http://www.divtlc.unimi.it/faqs.html
per le caselle @studenti.unimi.it: http://www.divtlc.unimi.it/Studenti/faqs.html

Gli altri utenti (Bicocca, Insubria e esterni) possono rigenerare la password  autonomamente tramite la funzione “Hai dimenticato la password?”, posta in fondo alla pagina di autenticazione.

Rispondendo alla domanda di controllo precedentemente impostata , la password verrà rigenerata al valore della tua data di nascita con le barre (nella forma gg/mm/aaaa).

Inserendo il tuo username e la password provvisoria così definita, potrai scegliere la tua nuova password personale e accedere ai servizi online del catalogo (Opac).

Nel caso continuassi ad avere problemi di accesso, o ti fossi dimenticato la risposta alla domanda di controllo, puoi rivolgerti a un operatore della tua biblioteca di riferimento, che provvederà a rigenerare la password (al valore della tua data di nascita con le barre, nella forma gg/mm/aaaa) e, se necessario, ti comunicherà lo username collegato al tuo profilo.