Collaborazioni studentesche

Gli studenti dei corsi di laurea triennali e magistrali dell'Università degli Studi hanno la possibilità di prestare attività di collaborazione, presso le strutture universitarie, per un massimo di 150 ore e per non meno di 8 ore, nel corso di ogni anno accademico, previa iscrizione all'Albo delle collaborazione su SIFA. Per le indicazioni generali sulle collaborazioni e sui bandi in corso si rimanda all'apposita pagina, mentre qui di seguito si forniscono alcuni chiarimenti sui bandi di Lingue, che avranno alcuni requisiti obbligatori comuni valorizzando le specificità linguistiche nei requisiti preferenziali ove necessario.

 


indice paragrafi

A partire da quale data ci si può iscrivere?

La data a partire dalla quale è possibile iscriversi al bando è quella indicata nel testo come “data di affissione all’Albo”.


Perché partecipare al bando?

  • Lavorare in biblioteca è una opportunità di lavoro part-time e a tempo determinato che comporta numerosi vantaggi, oltre al corrispettivo (8 euro netti all’ora), primo fra tutti la possibilità di poter far “convivere” agevolmente il lavoro in biblioteca con lo studio e la frequenza ai corsi.
  • Inoltre, è un lavoro che offre la possibilità di apprendere molti aspetti del funzionamento di una biblioteca universitaria, fattore utile nel momento in cui ci si accingerà a iniziare il lavoro di ricerca bibliografica per la propria tesi di laurea.
  • Per chi ha collaborato con noi finora, l’esperienza da “150 ore” è risultata infatti sempre preziosa non solo ai fini della laurea, ma, in più di un caso e se condotta seriamente, anche per imparare “sul campo” le basi della professione bibliotecaria e per entrare a far parte del mondo del lavoro (ad es. attualmente, alcuni ex “150 ore” lavorano stabilmente in biblioteche universitarie).

Chi può iscriversi?

Tutti gli studenti interessati, che siano regolarmente iscritti all'anno accademico corrente a uno dei Corsi di Laurea Triennale o di Laurea Magistrale facenti capo ai Dipartimenti che si raccordano alla Facoltà di Studi Umanistici e ai corsi di Laurea Triennale e di Laurea Magistrale che si raccordano alla Scuola di Mediazione linguistica e culturale.


Modalità di presentazione della domanda

Dopo essersi iscritti all'Albo delle Collaborazioni Studentesche tramite Sifa Online e aver partecipato al concorso a cui si è interessati, la domanda di iscrizione al concorso - unitamente alla certificazione rettorale del punteggio di base e a un recapito mail e cellulare -  deve essere inoltrata di persona al personale indicato nel bando.
Per evitare disguidi di diversa natura (mancata o ritardata ricezione della domanda, ecc...), non vengono infatti accettate le domande giunte per posta ordinaria e/o posta elettronica.


Fra i requisiti obbligatori, cosa si intende con le voci: “conoscenze informatiche, in particolare: principali applicativi MS Office” e “nozioni di base di biblioteconomia”?

  • Con conoscenze informatiche, e come sinteticamente già indicato nel bando, si intende che gli studenti collaboratori dovranno possedere una discreta padronanza ed autonomia nell'uso del pc. Infatti, i principali applicativi Windows (Word, Access e/o Excel) all’occorrenza saranno utilizzati per compiti quali: redazione di elenchi, inserimento dati bibliografici in database, ecc., mentre l’uso di un programma di navigazione e, accanto ad esso, la conoscenza e l’utilizzo dell’OPAC del nostro Ateneo http://opac.unimi.it servirà per operazioni di controllo sul patrimonio della biblioteca e per offrire un supporto di base agli studenti nelle loro ricerche bibliografiche.
  • Nozioni di base di biblioteconomia non significa ad es. che occorre aver sostenuto l’esame di Biblioteconomia (anche se certamente potrebbe aiutare…), ma più semplicemente, sapersi orientare in una biblioteca (pubblica, universitaria, ecc.) e fra i materiali in essa conservati (libri, riviste, ecc.).

Su cosa verterà il colloquio necessario per la valutazione dell’idoneità dei candidati?

Il colloquio è di carattere teorico-pratico ed è volto innanzi tutto ad accertare che i candidati posseggano effettivamente i requisiti obbligatori dichiarati all’atto dell’iscrizione, in particolare la conoscenza dell'OPAC e le nozioni informatiche, come pure le nozioni di base di biblioteconomia.


Per altri eventuali chiarimenti o dubbi sul bando, a chi ci si può rivolgere?

Anna Pavesi, mail anna.pavesi@unimi.it.