La Storia

La Biblioteca di Scienze del Farmaco, fino al 2012 denominata Biblioteca centrale di Farmacia, è una biblioteca biomedica multidisciplinare fondata nel 1970 grazie alla collezione privata del prof. Rodolfo Paoletti.

Mette a disposizione materiale bibliografico e documentale specializzato per l'attività didattica e di ricerca nell'ambito delle discipline connesse alla sintesi, meccanismo d'azione, utilizzo clinico, tecnologia e legislazione di farmaci, alimenti e contaminanti ambientali: biochimica, biotecnologie, chimica farmaceutica e tossicologica, chimica organica, cosmetologia, endocrinologia, farmacoeconomia, farmacognosia, farmacologia generale e clinica, fisiologia, tecnologia e legislazione farmaceutica, tossicologia.

Oltre a docenti, ricercatori e studenti, il materiale è rivolto a documentalisti biomedici, farmacisti, medici ed erboristi. La Biblioteca dispone di oltre 800 periodici e di circa 10.000 volumi, indicizzati per argomento secondo le regole della National Library of Medicine. Sono inoltre disponibili circa 150 audiovisivi su argomenti di biologia, fisiologia e farmacologia. La Biblioteca Centrale di Farmacia vanta l'intera collezione degli “Advances in Experimental Medicine and Biology”, oltre 500 volumi degli “Annals of the New York Academy of Sciences”, ma anche volumi degli “Handbook of Experimental Pharmacology”, “Methods in Enzymology”, “Progress in Inflammation Research”.

Fiori all'occhiello delle collezioni sono il “Science Citation Index” (1979-1999), che permette di conoscere le citazioni ricevute da un articolo pubblicato sulle riviste internazionali più importanti e il “Journal of Citation Reports” (1981-1999), che consente di determinare l'impact factor delle principali riviste internazionali. Si tratta di banche dati difficilmente reperibili in Italia e disponibili per gli anni indicati su supporto cartaceo e magnetico: per le annate più recenti è disponibile l'accesso online d'Ateneo.

Tra il 2007 e il 2008 ha accolto nei propri spazi il materiale librario proveniente dall’ex Istituto di Chimica Farmaceutica e Tossicologica e dall’ex Istituto di Endocrinologia, che hanno arricchito e integrato le collezioni scientifiche della biblioteca di Facoltà per le aree di ricerca di competenza dei due Istituti di origine del materiale. La Biblioteca partecipa al progetto NILDE.

La Biblioteca coordina l'attività dei fondi librari situati presso il Dipartimento di Endocrinologia, Fisiopatologia e Biologia Applicata di via Balzaretti 9, il Dipartimento di Scienze Farmaceutiche di via Mangiagalli 25, del Dipartimento di Scienze Molecolari applicate ai biosistemi, Sezione di Via Trentacoste 2.