Regolamenti

indice paragrafi

Regole per l'uso delle sale e dei servizi

(ultimo aggiornamento 29/01/2014)

Biblioteca di Studi giuridici e umanistici dell’Università degli Studi di Milano
Via Festa del Perdono, 7 – 20122 Milano

Accoglienza e orientamento:
dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 21.30; sabato dalle 9.00 alle 18.00.
Tel. 0250312468 - Fax 0250312598

Premessa

La Biblioteca di Studi giuridici e umanistici, da qui in poi la Biblioteca, fa parte di una struttura articolata che comprende anche le biblioteche dei Dipartimenti delle due aree di studio.
Ha una dotazione libraria di circa  229.000 volumi e opuscoli,  3985 periodici, di cui 1411 in corso.
Tutte le informazioni e i dati relativi al patrimonio librario collocato sia presso la Sala Centrale, sia presso le Biblioteche  dei Dipartimenti, sono reperibili nel catalogo  in linea (Catalogo d’Ateneo.)
Il catalogo è consultabile da qualunque postazione a disposizione del pubblico presente nell’Ateneo e da qualunque postazione  collegata a internet.
E’ sempre attivo un servizio di assistenza alla  consultazione dei cataloghi e delle banche dati in rete.

Alla Biblioteca possono accedere, secondo le  modalità di seguito specificate:

  • i docenti, i ricercatori, i lettori, i borsisti, i collaboratori linguistici, i dottorandi, i titolari di assegni di ricerca, i cultori della materia, gli iscritti alle scuole di specialità e ai corsi di perfezionamento;
  • gli studenti regolarmente iscritti a tutti i corsi previsti dall’Ateneo e dalle Università convenzionate;
  • i docenti in pensione dell’Ateneo;
  • il personale tecnico-amministrativo dell’Ateneo e delle Università convenzionate;
  • gli studenti Erasmus;
  • sono inoltre ammessi, previa autorizzazione, tutti coloro che devono consultare  materiale bibliografico posseduto dalla Biblioteca.

Fanno capo alla Biblioteca 5 sale di studio e consultazione: Sala Centrale, Sala Crociera, Sala Sottocrociera, Sala Common Law, Sala Settecento.

Regolamento delle sale

1. Le sale di studio e consultazione sono luoghi comuni di studio e di ricerca, per cui nessuno può entrare o trattenersi per altri motivi ed ognuno deve osservare il silenzio e mantenere un atteggiamento che non arrechi disturbo.

2. E’ proibito fumare  in tutti i locali della Biblioteca; è altresì proibito consumare cibi e bevande.

3. Nelle sale non è permesso discorrere, anche sottovoce, studiare in comune, servirsi in due o più persone di un medesimo libro, leggere giornali, utilizzare telefoni cellulari o  comunque        disturbare la tranquillità dello studio.

4. Tutti i libri e i periodici collocati nelle sale di studio e consultazione sono esclusi dal prestito a domicilio e non possono in nessun caso essere asportati dalle sale.

5. Le opere rare e di pregio, le pubblicazioni a fogli mobili, il materiale audiovisivo, le microedizioni ed il materiale proveniente dal prestito interbibliotecario sono consultabili soltanto in locali riservati.

6. Chiunque danneggi il materiale della Biblioteca o mantenga un comportamento scorretto può essere escluso temporaneamente o definitivamente dalla frequenza della stessa.

7. E’ proibita l’esposizione e la distribuzione di materiale non attinente alle attività di Ateneo (commerciale, pubblicitario, religioso, politico).

Sala di studio: Sala Centrale

Lunedì-Venerdì  9.00- 23.30
sabato  9.00-18.00;
domenica 10.00-18.00
Tel. 0250312468
prestito.bsgu@unimi.it

 E’ una sala di studio (288 posti) nella quale sono collocati cataloghi cartacei delle biblioteche europee 
 e americane. Vi si può consultare il materiale collocato nel deposito librario della Biblioteca e presso la
 sala stessa.
L'accesso alla sala è consentito:   

  • ai docenti, ricercatori, lettori, borsisti, collaboratori linguistici, dottorandi, titolari di assegni di ricerca, cultori della materia, iscritti alle scuole di specialità e ai corsi di perfezionamento di area giuridica e umanistica;
  • agli studenti delle stesse aree regolarmente iscritti per l’anno accademico in corso;
  • al personale tecnico-amministrativo dell’Ateneo;
  • a coloro che devono consultare materiale bibliografico della Sala.
  • a studenti Erasmus delle facoltà corrispondenti 

Dal 1.1.2008  è attivo il servizio EDUROAM per la connessione wireless che gli utenti della sala, previa autenticazione, possono usare.
Nell’atrio antistante la sala sono presenti cinque terminali dedicati alla consultazione di cataloghi on line, dei periodici elettronici e delle banche dati.
Agli utenti potrà essere richiesto di esibire, unitamente alla tessera magnetica di Ateneo, un documento di riconoscimento. 

Sala Crociera

Lunedì-Venerdì  9.00-18.45
Informazioni: Tel. 0250312986
La Sala Crociera è una sala di consultazione dedicata alle materie giuridiche (228 posti).

Il materiale, collocato a scaffale aperto, è destinato di regola alla sola consultazione sul posto da parte degli utenti;  non è quindi disponibile per il prestito a domicilio. Tuttavia, volumi di manualistica, monografie tematiche, atti di congressi e collane qui collocate e molto richieste dal pubblico, durante il fine settimana potranno uscire, uno per volta, per un prestito breve, da venerdì alle 14.00 a lunedì alle 12.00, il cosiddetto prestito del week-end. Docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti di area giuridica potranno eccezionalmente prendere a prestito questi libri anche in settimana per un max di 24 ore.

Particolare cura è riservata all’aggiornamento del settore del diritto italiano, grazie ad una vasta offerta di codici, raccolte legislative, trattati, manuali e pubblicazioni periodiche.
La ricerca legislativa, giurisprudenziale e dottrinale può essere svolta tramite la consultazione dei maggiori repertori cartacei e delle più importanti riviste nazionali ed estere.
Tutti i posti della sala sono dotati di prese elettriche e 84 posti sono cablati per ricerche in internet (per le istruzioni vedi Allegato D). In sala è attivo il servizio wireless.
Sono presenti in Sala tre terminali dedicati alla consultazione di cataloghi on line .
Su appuntamento è possibile svolgere ricerche bibliografiche assistite.
Una saletta della sala Crociera è dotata di cinque postazioni connesse a internet per ricerche sulle banche dati in rete, su siti di interesse per l’attività di studio e ricerca, per l’interrogazione dei periodici elettronici.
Una delle cinque postazioni è abilitata alla consultazione di quotidiani on-line.
Il regolamento della saletta computer è illustrato nell’Allegato B.
 
 
L’accesso alla sala è consentito:

  • ai docenti, ricercatori, lettori, borsisti, collaboratori linguistici, dottorandi, titolari di assegni di ricerca, cultori della materia, iscritti alle scuole di specialità, ai corsi di perfezionamento di area giuridica e umanistica;
  • agli studenti delle stesse aree regolarmente iscritti per l’anno accademico in corso;
  • al personale tecnico-amministrativo dell’Ateneo;
  • ai  docenti in pensione delle ex Facoltà di Giurisprudenza e di Lettere e Filosofia;
  • agli utenti delle università convenzionate secondo le modalità della convenzione in atto.
  • a studenti Eramus delle facoltà corrispondenti 
  • a coloro che devono consultare materiale bibliografico della Sala. A questi ultimi, un accesso temporaneo verrà consentito dal responsabile della Sala dietro presentazione di motivata richiesta.

I posti studio sono riservati agli utenti istituzionali afferenti ai Dipartimenti di Giurisprudenza e Studi umanistici. Per accedere alla sala è necessario esibire un documento attestante l'afferenza ai Dipartimenti indicati; gli studenti devono mostrare il libretto universitario o il certificato di iscrizione scaricabile dai servizi online SIFA o UNIMIA, che attesti l'appartenenza ad uno dei corsi di laurea o laurea magistrale facenti capo ai Dipartimenti Giuridici e di Studi umanistici per l'a.a. in corso. Altri lettori che hanno necessità di  consultare materiale bibliografico della Biblioteca potranno accedere su richiesta. 

In Sala Crociera è possibile:

Consultare il materiale librario presente in sala e in rete;
Effettuare fotocopie del materiale cartaceo e la riproduzione da micro forme conservate in una apposita saletta;
Svolgere ricerche bibliografiche assistite.
Studiare in gruppi nelle salette dedicate

Sala Sottocrociera

Lunedì-Venerdì  9.00-18.45
Informazioni: Tel. 0250312288

La Sala  Sottocrociera (180 posti di cui 36 riservati ai docenti) è una sala di consultazione a scaffale aperto, contenente periodici e monografie di argomento umanistico.
In Sala Sottocrociera sono ampiamente rappresentati i settori di lingue e letterature sia antiche sia moderne, di storia (con particolare attenzione alla storia delle religioni) e di filosofia, con la produzione in lingua originale dei principali autori italiani e stranieri.
Molto ricca è anche la collezione di periodici.
Tutti posti della sala sono dotati di prese elettriche e  52 posti sono cablati per ricerche in internet ( per le istruzioni vedi Allegato D).
Sono presenti in Sala tre terminali posti all’ingresso e tre terminali posti al centro della sala dedicati alla consultazione di cataloghi on line, delle banche dati in rete e dei periodici elettronici.
Una delle tre postazioni all’ingresso è abilitata alla consultazione di quotidiani on-line
Su appuntamento è possibile svolgere ricerche bibliografiche assistite.

Dal 1.1.2008  è attivo un hot-spot per la connessione wireless che gli utenti della sala, previa autenticazione, possono usare.

L’accesso alla Sala avviene tramite badge ed è consentito:

  • ai docenti, ricercatori, lettori, borsisti, collaboratori linguistici,  dottorandi, titolari di assegni di ricerca, cultori della materia, iscritti alle scuole di specialità, ai corsi di perfezionamento di area giuridica e umanistica;
  • agli studenti delle stesse aree regolarmente iscritti per l’anno accademico in corso;
  • al personale tecnico-amministrativo dell’Ateneo;
  • ai docenti in pensione delle ex Facoltà di Giurisprudenza e di Lettere e Filosofia;
  • agli utenti delle università convenzionate secondo le modalità delle convenzioni in atto.
  • a studenti Eramus delle stesse facoltà 
  • a coloro che devono consultare materiale bibliografico della sala. A questi ultimi verrà assegnato un badge temporaneo autorizzato dal responsabile della Sala dietro presentazione di motivata richiesta.

Agli utenti potrà essere richiesto di esibire, unitamente alla tessera magnetica di Ateneo, un documento di riconoscimento. 

In  Sala Sottocrociera  è possibile:

Consultare il materiale librario presente in sala e in rete;
Effettuare fotocopie del materiale cartaceo.

Sala Common Law

Lunedì-Venerdì  9.30-17.30 Tel. 02 50312290

Informazioni bibliografiche: lunedì-venerdì 9.00-12.30

Le risorse bibliografiche offerte dalla Sala Common Law riguardano il diritto anglo-americano, dei paesi di Common Law e il diritto dell’Unione Europea. Le collezioni comprendono testi di dottrina, raccolte giurisprudenziali e le più importanti riviste accademiche.

La sala Common Law è una sala di sola consultazione destinata agli studenti e docenti di area giuridica, pertanto non è consentito lo studio del proprio materiale. Tuttavia, volumi di manualistica, monografie tematiche, atti di congressi e collane qui collocate e molto richieste dal pubblico, durante il fine settimana potranno uscire, uno per volta, per un prestito breve, da venerdì alle 14.00 a lunedì alle 12.00, il cosiddetto prestito del week-end. Ai lettori esterni verrà dato un permesso temporaneo dal responsabile della Sala dietro presentazione di motivata richiesta.

Potrà essere inoltre richiesto di esibire, unitamente alla tessera magnetica di Ateneo, un documento di riconoscimento. 

In  Sala Common Law è possibile:

  • Svolgere ricerche bibliografiche assistite sulle principali banche dati di ambito giuridico anglo americano e comunitario.
  • Consultare il materiale librario presente in sala e in rete;
  • Effettuare fotocopie del materiale cartaceo.

Sala Settecento

Lunedì-Venerdì  9.00-18.45
Tel. 0250312431- 0250312745

La Sala Settecento (75 posti) è una sala di consultazione a scaffale aperto, dedicata alle materie giuridiche con particolare riguardo al diritto romano ed ecclesiastico, e alle riviste giuridiche.

L’accesso è consentito a coloro che devono consultare materiale bibliografico della Sala. Agli utenti esterni verrà dato un permesso temporaneo dal responsabile della Sala dietro presentazione di motivata richiesta.
 
La sala è situata all’interno del settore didattico e ne segue il calendario di apertura e chiusura.

 Agli utenti potrà essere richiesto di esibire, unitamente alla tessera magnetica di Ateneo, un documento di riconoscimento.

In  Sala Settecento è possibile:
Consultare il materiale librario presente in sala e in rete
Effettuare riproduzioni di materiale cartaceo.
Prendere a prestito i libri delle raccolte per le quali è consentito.

Servizi della biblioteca

  • fotoriproduzione
  • prestito interbibliotecario e fornitura documenti
  • prestito
  • informazione bibliografica 
  • servizi speciali

Fotoriproduzione di materiale cartaceo e di microforme

È consentita la fotoriproduzione del materiale librario e documentario delle sale all’interno delle stesse e di quello ricevuto in lettura presso la sala cataloghi.
La fotoriproduzione è a spese ed a cura dell'utente, con l'osservanza delle necessarie cautele.
L'utente si assume ogni responsabilità per l'uso delle fotoriproduzioni, essendo severamente vietata - a norma delle  vigenti disposizioni - qualsiasi successiva riproduzione o pubblicazione per uso commerciale. 
Le  riproduzioni potranno essere effettuate dall'utente nel rispetto delle leggi vigenti in materia di  tutela del diritto d'autore (L.633/41 e successive modificazioni, in particolare L. 248  del 18 Agosto 2000 e dlgs 9 aprile 2003,n.68).

 Le opere rare, di pregio o deteriorabili sono escluse dalla fotoriproduzione. 

In sala di consultazione Crociera sono ubicati due lettori-stampatori di microfilm e microfiche.
Il servizio è riservato:

  • ai docenti, ricercatori, lettori, borsisti, collaboratori linguistici, dottorandi, titolari di assegni di ricerca, cultori della materia, iscritti alle scuole di specialità, ai corsi di perfezionamento di area giuridica e umanistica;
  • agli studenti delle stesse aree regolarmente iscritti per l’anno accademico in corso;
  • ai docenti e al  personale tecnico-amministrativo dell’Ateneo;
  • agli utenti delle università convenzionate secondo le modalità delle convenzione in atto.
  • a studenti Eramus delle stesse facoltà

Il costo di una riproduzione da microforme è di €  0,08 + IVA.

Prestito interbibliotecario (ILL) e riproduzioni in fotocopia (DD)

Richiesta documenti ad altre biblioteche

Lunedì, giovedì, venerdì  10.00-13.00
martedì e mercoledì         10.00 - 13.00, 14.00 - 16.00
ill-dd.bsgu@unimi.it
Tel.   02 50312335, 0250312287
Fax   02 50312359

Hanno diritto al prestito interbibliotecario e possono richiedere la fotoriproduzione di materiale posseduto da altre biblioteche: 

  • i docenti, ricercatori, lettori, borsisti, collaboratori linguistici, dottorandi, titolari di assegni di ricerca, cultori della materia, iscritti alle scuole di specialità, ai corsi di perfezionamento delle aree giuridica e umanistica
  • gli studenti regolarmente iscritti alle stesse aree;
  • il personale tecnico-amministrativo dell’Ateneo.
  • gli studenti Erasmus iscritti alle stesse facoltà, previo un controllo sulla scadenza della loro permanenza presso di noi. 

Il servizio provvede ad inviare a biblioteche italiane e straniere richieste di prestito o di fotocopie di materiale non posseduto dalle Biblioteche dell ‘ Università degli Studi di Milano.
Tutte le opere ricevute in prestito interbibliotecario sono disponibili per la sola consultazione in sala. Non è concesso il prestito a domicilio.
Eventuali riproduzioni potranno essere effettuate dall'utente nel rispetto delle leggi vigenti in materia di tutela del diritto d'autore.
Per il regolamento del prestito interbibliotecario e i costi si rimanda all’Allegato A

 

Richiesta documenti della nostra biblioteca

Ill.bsgu@unimi.it
tel. 0250312251 / 0250312592
Fax. 0250312359

Il servizio provvede ad inviare volumi o fotocopie a biblioteche italiane o straniere che ne facciano richiesta esclusivamente per motivi di studio o di ricerca.
Il prestito dura 30 giorni dalla data di spedizione e i libri devono essere rispediti con posta raccomandata.
I libri ricevuti in prestito dalla nostra biblioteca non possono essere prestati a domicilio, ma solo consultati nella sede della biblioteca richiedente.
La disponibilità al prestito o alla riproduzione viene valutata caso per caso, a seconda del tipo di materiale e del regolamento delle biblioteche che lo conservano.
Le spese relative ai prestiti interbibliotecari e alle riproduzioni sono a carico della biblioteca richiedente.
Per il regolamento del prestito interbibliotecario e i costi si rimanda all’ ALLEGATO A

 

Prestito intrasistemico (Libri in movimento)

La Biblioteca aderisce al nuovo servizio di scambio tra le biblioteche della nostra università (Libri in movimento) che consente di farsi recapitare presso la propria biblioteca di riferimento, libri, saggi e articoli di riviste in formato cartaceo custoditi in altre biblioteche dell'Ateneo, lontane geograficamente e che partecipano al progetto.

Per le biblioteche di area umanistica il servizio è riservato a: docenti (anche a contratto),  ricercatori,  dottorandi, specializzandi,  borsisti,assegnisti,  ospiti (visiting professor), cultori della materia,  volontari frequentatori (se presenti in liste ufficiali),  personale tecnico-amministrativo.

In particolare la Biblioteca può procurare libri o fotocopie per i docenti delle due facoltà nel caso in cui la loro biblioteca di settore non partecipi al progetto.

La Bibliteca invierà, su richiesta di un’altra biblioteca partecipante, fotocopie o volumi disponibili al prestito  delle proprie collezioni.
Per ulteriori dettagli vedi sito della biblioteca alla voce “Libri in movimento”

Prestito a domicilio

Lunedì-venerdì  9.00 - 23.15
sabato  9.00-17.45
domenica 10.00-17.45
Tel. 0250312468
prestito.bsgu@unimi.it

Hanno diritto al prestito a domicilio:

  • i docenti, ricercatori, lettori, borsisti, collaboratori linguistici, dottorandi, titolari di assegni di ricerca, cultori della materia, iscritti alle scuole di specialità, ai corsi di perfezionamento dell’Ateneo;
  • gli studenti regolarmente iscritti all’Ateneo;
  • gli studenti regolarmente iscritti a tutti i corsi delle Università convenzionate;
  • gli studenti ERASMUS ospiti dell’Università;
  • il personale tecnico-amministrativo dell’Ateneo;
  • gli utenti esterni, previa una presentazione formale (malleveria) firmata da un professore o da un ricercatore dell’Ateneo, dal Direttore delle biblioteche d’area o di settore autonomo dell’Ateneo, dal Direttore delle  biblioteche centrali delle Università convenzionate.

 Per il  regolamento del prestito si rimanda all’allegato C.

Informazione bibliografica / Reference

Il servizio è attivo presso le sale di consultazione e studio della Biblioteca.
E’ riservato a studenti, docenti, ricercatori e personale tecnico amministrativo dell'Ateneo.
Questo servizio offre informazione, istruzione e orientamento relativamente alle collezioni cartacee e digitali  della Biblioteca ovvero alle risorse disponibili sulla rete internet.
Per garantire la disponibilità di un addetto specializzato ad assistere l'utente nella ricerca e nel recupero delle informazioni, si consiglia di prenotare il servizio.
I risultati della ricerca vengono forniti su floppy disk o inviati via e-mail.
Il servizio fornisce anche assistenza per la consultazione di bibliografie e repertori e consulenza sulle modalità di citazione bibliografica, in particolare per i laureandi.
Agli utenti che fossero già autonomi nell'interrogazione delle risorse sono messe a disposizione delle postazioni attrezzate per la ricerca.

Servizi speciali

Presso la Biblioteca delle Facoltà di Giurisprudenza e di Lettere e Filosofia viene svolta un’attività di sostegno a favore degli studenti con disabilità dell’Ateneo, per facilitare loro l’accesso ai servizi delle Biblioteche e snellire le procedure di recupero dei documenti e di prestito libri.

È attivo un servizio a distanza il cui compito è assistere lo studente dal momento della ricerca bibliografica a quello del reperimento del materiale (inclusi i volumi richiesti in prestito), evitando gli eventuali disagi del servizio in sede. L’eventuale consegna del materiale o il riversamento su formato più idoneo saranno a carico degli obiettori designati all’assistenza disabili presso l'Ufficio Disabilità e Handicap in via Festa del Perdono 7.
Il servizio dunque permette allo studente con disabilità di ottenere le informazioni bibliografiche desiderate via fax o posta elettronica senza doversi recare in sede, e di ottenere il materiale (libri o fotocopie) con una sola visita all'Ufficio Disabilità e Handicap.
Le richieste potranno essere fatte per telefono, fax o posta elettronica a:
 
Nel caso l’utente lo richieda, il servizio di reference on line si collegherà al servizio di prestito locale ed interbibliotecario per il reperimento del materiale ritrovato (libri o fotocopie). Verrà quindi facilitato al massimo il percorso per avere la documentazione necessaria.

N.B. il presente regolamento delle sale e dei servizi della biblioteca è stato approvato

  • dal Consiglio di Biblioteca.Sezione di Giurisprudenza (28.10.2002) 
  • dal Consiglio di Biblioteca.Sezione di Lettere e Filosofia (13.12.2002)

Aggiornamenti e revisione:

  • Consiglio sezione di giurisprudenza ( 16.01. 2006),
  • Consiglio sezione di Lettere e Filosofia (23. 01.  2006),
  • Consiglio sezione di Lettere e Filosofia (12.2.2008),
  • Consiglio sezione di   Giurisprudenza ( 27.05.2008),
  • Consiglio  sezione Giurisprudenza (30.09.2009).

 

 

 

Allegato A

Prestito interbibliotecario (ILL) / Riproduzioni in fotocopia (DD)
(richiesta documenti della nostra biblioteca)

Chi può usufruire del servizio:
Il servizio provvede ad inviare volumi o riproduzioni, esclusivamente a biblioteche italiane o straniere che ne facciano richiesta per motivi di studio o di ricerca.
Poiché il servizio è attivo unicamente tra biblioteche, non verranno prese in esame  le richieste provenienti da privati, i quali, per poter accedere al nostro servizio, dovranno rivolgersi alle biblioteche dell’Università di appartenenza o alla biblioteca pubblica più vicina, che si assumerà la responsabilità del prestito e del rimborso delle spese da noi sostenute.

Modalità di inoltro delle richieste
Ogni richiesta di materiale appartenente ai Dipartimenti e alle biblioteche delle Facoltà di Giurisprudenza e di Lettere e Filosofia deve essere inoltrata a:

Università degli Studi di Milano
Biblioteca delle Facoltà di Giurisprudenza e di Lettere e filosofia
Servizi interbibliotecari
Via Festa del Perdono 7
20122 Milano (Italy)
e-mail: ill.bsgu@unimi.it
fax: +39 02 503.12359
Tel: + 39 02 503.12251 / 12952

Quando possibile, è preferibile l’uso della posta elettronica, sia per rendere più veloce l’espletamento delle pratiche, che per facilitare l’invio di eventuali avvisi e comunicazioni.
Si raccomanda di inserire una sola richiesta di documenti per messaggio, possibilmente un numero di riferimento e l’indirizzo completo al quale inviare il materiale.

Regolamento del servizio

Rimborso spese servizio:

La biblioteca richiedente è tenuta a rendersi garante del rimborso delle spese relative ai prestiti dei volumi e alle riproduzioni. 

Prestito volumi (ILL)

Il costo del prestito è fissato in 1 full IFLA voucher, per ciascun volume, sia per l’ Italia che per l’ Europa
Per i paesi extra europei, potrebbe essere richiesto un rimborso superiore (2 o più full IFLA voucher per ciacun volume) a copertura del maggior costo delle spese postali.
Per le opere in più volumi, si calcoli un voucher per ciascuno di essi.
In caso non fossero posseduti vouchers, per l'Italia verrà chiesto il rimborso del loro controvalore da pagarsi  tramite assegno non trasferibile o vaglia postale (non sono ammesse altre forme di rimborso), nella misura di € 8  per  ciascun voucher mentre, per l'estero, potranno essere chiesti coupon-réponse International nella misura di 7 per ciascun full voucher.
 (per informazioni  sui vouchers  IFLA  si consiglia di consultare: http://www.aib.it/aib/lis/voucher.htm [apre in nuova finestra] 

Riproduzioni in fotocopia (DD)

Per l’ Italia
Il costo delle riproduzioni in fotocopia ( non sono possibili altre modalità di riproduzione )  è di mezzo voucher IFLA per un un plico di massimo di 20 fotocopie, a prescindere dal loro numero (es.: 20 fotocopie = ½ voucher; 10 fotocopie = ½ voucher)
Si aggiunga mezzo voucher per ogni successiva tranche di massimo 20 fotocopie, eseguita nel rispetto delle vigenti disposizioni in materia di diritto d’ autore  ( L. 18 agosto 2000, n.248 e dlgs 9 aprile 2003, n.68 ).

Nel caso non fossero posseduti vouchers verrà chiesto il rimborso del loro controvalore, da pagarsi  tramite assegno non trasferibile  o vaglia postale (non sono ammesse altre forme di rimborso), nella misura di 7  per ciascun full voucher  e 4 per mezzo voucher.

Per l' estero:
Il costo delle riproduzioni in fotocopia ( non sono possibili altre modalità di riproduzione )  è di 1 full IFLA voucher per un massimo di 20 fotocopie, a prescindere dal loro numero.
Si aggiunga mezzo voucher per ogni successiva tranche di massimo 20 fotocopie, eseguita nel rispetto delle vigenti disposizioni italiane in materia di diritto d’ autore  (L.18 agosto 2000, n.248 e dlgs 9 aprile 2003, n.68 )
Solo in caso di mancanza di voucher, potranno essere chiesti coupon-réponse international.

Richiesta documenti ad altre biblioteche

Lunedì - Venerdì        10.00-13.00
Martedi e Mercoledi  anche 14.00-16.00
ill-dd.bsgu@unimi.it
T. 02 50312335, 0250312287
Fax 02 50312359

Il servizio provvede ad inviare a biblioteche italiane o straniere richieste di volumi in prestito o di fotocopie di materiale non posseduto dalle Biblioteche della Università degli studi di Milano.
Chi può usufruire del servizio

  • i docenti, ricercatori, lettori, borsisti, collaboratori linguistici, dottorandi, titolari di assegni di ricerca, cultori della materia, iscritti alle scuole di specialità, ai corsi di perfezionamento di area giuridica e umanistica;
  • gli studenti afferenti alle stesse aree;
  • il personale tecnico-amministrativo dell’Ateneo;
  • gli studenti Erasmus iscritti alle stesse facoltà, previo un controllo sulla scadenza della loro permanenza presso di noi. 

E' consentito, di norma, un numero massimo di TRE richieste contemporanee di prestito e/o fotocopie per utente.

Organizzazione del servizio:

Il servizio è aperto al pubblico nei seguenti orari:
dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 13.00 ed inoltre  il martedì e mercoledì anche  dalle ore 14.00 alle ore 16.00
Per motivi organizzativi, le richieste vanno presentate su appuntamento, da ottenere chiamando il n. 0250312335 negli orari di apertura.
Compilazione, firma dei moduli e ricerca del materiale da richiedere avverranno presso l’ufficio prestito interbibliotecario nell’ora e nel giorno stabiliti dall’appuntamento.
Sarà cura dell' ufficio avvertire immediatamente l'utente dell'arrivo del materiale richiesto, che sarà disponibile solo dopo l’ avvenuto pagamento dei costi.
Nel caso in cui la localizzazione dell'opera sia già stata appurata dal richiedente, si prega di fornire l’  indicazione precisa della fonte di informazione. 

Disponibilità del materiale richiesto
Tutte le opere ricevute in prestito interbibliotecario sono disponibili per la sola consultazione in sala e sono sempre escluse dalla consultazione e dal prestito a domicilio.
Eventuali riproduzioni potranno essere effettuate dall'utente nel rispetto delle leggi vigenti in materia di tutela del diritto d'autore (L.633/41 e successive modificazioni, in particolare L. 248/00 e dlgs 9 aprile 2003, n.68).

La durata del prestito interbibliotecario è stabilita dalle biblioteche prestanti; in assenza di specifiche indicazioni si intende di venti giorni. Raggiunta la scadenza, la biblioteca è tenuta ad effettuare la restituzione, anche nel caso in cui il richiedente, dopo essere stato avvisato dell’arrivo del materiale, non si sia presentato a consultarlo.

È utile sapere che:

  • i tempi di attesa delle richieste di volumi non sono prevedibili (indicativamente da una a tre settimane, perché i pacchi vengono di norma spediti per posta ordinaria); 
  • le richieste in corso non possono essere annullate; 
  • per le richieste di articoli di periodici è attivo un servizio di Document Delivery in formato elettronico. I documenti vengono forniti in 36-48 ore.

Costi
Le spese relative ai prestiti interbibliotecari e alle riproduzioni sono a carico del richiedente, anche nel caso in cui, pur debitamente informato, non abbia preso visione dell’opera.  I costi, dal 1 Gennaio 2006, sono stabiliti   in € 6.00 per le richieste di volumi e in € 4,50 per le richieste di fotocopie. Fanno eccezione le richieste di volumi o articoli alla British Library o casi di richieste particolari (riproduzioni di manoscritti, opere rare, microfilm).
Il richiedente che non provveda al pagamento sarà immediatamente escluso dai servizi della biblioteca e nei suoi confronti verranno adottati i provvedimenti del caso.

 

Allegato B

Regolamento saletta computer

Lunedì-Venerdì  9.00- 17.30

L’utilizzo della sala è consentito a coloro che hanno accesso alle sale di consultazione  per effettuare ricerche bibliografiche tramite:

  • le risorse della rete di Ateneo
  •  i cataloghi online (OPAC, MetaOPAC) di questa e di altre biblioteche
  • le fonti informative e documentali a libero accesso disponibili in rete 

La frequenza della Sala comporta un utilizzo attento e rispettoso delle risorse e della struttura.
 
E’ vietato utilizzare client di posta elettronica e servizi di messaggistica.
 
E’ vietato utilizzare le risorse della Sala per commettere atti vietati dalla legge (i.e. pirateria informatica), nonché atti maleducati o scorretti tramite il mezzo informatico.
 
E’ vietato introdurre supporti propri nelle macchine senza l’autorizzazione dei responsabili dell’Ufficio Informazioni bibliografiche.

E’ vietato utilizzare i pc collocati nella saletta per usi diversi dallo studio.

 

Allegato C

 

Regolamento del prestito

Lunedì-Venerdì  9.00- 23.15
sabato  9.00-17.45;
domenica 10.00-17.45
Tel. 0250312468
mailto:prestito.bsgu@unimi.it

Chi può prendere i libri in prestito

  • i docenti, ricercatori, lettori, borsisti, collaboratori linguistici, dottorandi, titolari di assegni di ricerca, cultori della materia, iscritti alle scuole di specialità, ai corsi di perfezionamento dell’Ateneo;
  • gli studenti regolarmente iscritti all’Ateneo;
  • gli studenti regolarmente iscritti a tutti i corsi delle Università convenzionate;
  • gli studenti Erasmus ospiti dell’Università, previo un controllo sulla scadenza della loro permanenza presso di noi. 
  • nell’ambito di programmi di scambio ufficiali;
  • il personale tecnico-amministrativo dell’Ateneo;
  • gli utenti esterni, previa una presentazione formale (malleveria) firmata da un professore o da un ricercatore dell’Ateneo, dal Direttore delle biblioteche d’area o di settore autonomo dell’Ateneo, dal Direttore delle  biblioteche centrali delle Università  convenzionate.

Le malleverie hanno una validità massima di 12 mesi.

Il prestito è personale; le opere in prestito non possono essere date ad altri. Sono ammesse deleghe al ritiro dei libri per conto di studenti iscritti

La mancata restituzione dell’opera alla scadenza è oggetto di un sollecito automatico d’ufficio e impedirà ogni ulteriore prestito fino a che l’interessato non abbia regolarizzatola propria posizione. Se il ritardo nella restituzione supera i 3 giorni di tolleranza, sarà motivo di esclusione dal prestito per un periodo doppio a quello del ritardo nella restituzione.
Per gli studenti, in caso di mancata restituzione, si procederà al bloccoamministrativo della carriera dello studente, attraverso comunicazione delle Segreterie studenti.

I volumi in prestito devono essere riconsegnati nello stato in cui sono stati presi, altrimenti si è tenuti al riacquisto di un altro esemplare integro della stessa edizione. Eventuali obiezioni sulle condizioni dell’opera vanno fatte al momento del ritiro.

Quanti volumi e per quanto tempo – Rinnovo del prestito
   
Si possono prendere in prestito 10 opere per volta per un massimo di trenta giorni: Docenti e ricercatori possono prendere in prestito 20 opere per volta per un massimo di sessanta giorni.
Per gli esterni resta fissato un numero massimo di 3 volumi.
In caso di necessità il numero dei volumi può essere aumentato

Entro la data di scadenza di un prestito è possibile richiedere ( personalmente, per telefono o per e-mail) una proroga della durata di 15 giorni, solo qualora dall’OPAC non risulti che il volume sia già stato prenotato da altri.

Quali volumi sono esclusi dal prestito

  • i periodici
  • le opere di  consultazione ( dizionari, repertori, enciclopedie, le opere a fogli mobili e collezioni di interesse generale come codici, fonti, legislazione  etc)
  • le opere a stampa edite da più di un secolo al momento della richiesta
  • le opere rare e di pregio
  • le carte geografiche
  • il materiale non librario ( Cd-rom,audio,video, microforme, etc.
  • le opere appartenenti a Fondi.

Collezioni speciali:

Alcune collezioni per la preparazione degli esami hanno una circolazione più rapida (solo 15 giorni non prorogabili e un solo volume per volta):
• Libri di testo di giurisprudenza: collocazione    TE GIU.
• Libri di biblioteconomia :          collocazione    BTC.
Le collezioni di sala Crociera (manualistica, monografie tematiche, atti di congressi e collane ), costantemente richieste dal pubblico, ma riservate alla sola consultazione durante la settimana, dall’a.a.2009/2010, sperimentalmente potranno andare in prestito , un volume per volta, da venerdì alle 14.00 a lunedì alle 12.00, per  il cosiddetto prestito del week end  e dovranno essere riconsegnate con la massima sollecitudine, pena la sospensione immediata da questo tipo di prestito per un anno. SOLO docenti, ricercatori, assegnisti e dottorandi di area giuridica potranno eccezionalmente prendere a prestito questi libri anche in settimana per un max di 24 ore.

Come ottenere un libro in prestito

Una volta identificato il volume desiderato tramite la consultazione del catalogo in linea OPAC ( http:// opac.unimi.it/ ) bisogna accertarsi che l’opera sia ammessa al prestito cliccando sulla biblioteca che lo possiede alla voce:

lo trovi a:

Sulla nuova videata deve comparire la nota:

Documento disponibile - richiesta di prestito

A questo punto si possono verificare due possibilità:

 

  1. effettuare la richiesta di prestito direttamente on-line. Cliccando sulla nota richiesta di prestito si trovano tutte le informazioni e le istruzioni per il prestito on-line, per le prenotazioni dell’opera ( se l’opera fosse già in prestito) e per il ritiro dei volumi;
  2. recarsi presso la biblioteca che possiede l’opera ed effettuare direttamente il prestito in biblioteca. 

Alla consegna del libro viene rilasciato un talloncino da conservare fino alla restituzione del volume.

Si consiglia di consultare la pagina informativa della biblioteca che possiede il volume per avere le informazioni sulla biblioteca stessa (dati, indirizzo, orari e servizi al pubblico)

N.B. il presente regolamento delle sale e dei servizi della biblioteca è stato approvato 

  •  dalConsiglio di Biblioteca. Sezione di Giurisprudenza (28.10.2002)
  •  dal Consiglio di Biblioteca. Sezione di Lettere e Filosofia (13.12.2002)

Aggiornamenti e revisione:

  • Consiglio sezione di giurisprudenza (16.01. 2006),
  • Consiglio sezione di Lettere e Filosofia (23. 01. 2006),
  • Consiglio sezione di Lettere e Filosofia (12.2.2008),
  • Consiglio sezione di Giurisprudenza (27.05.2008);
  • Consiglio sezione Giurisprudenza (30.09.2009);
  • Consiglio di biblioteca unificato del (16.03.2011)

 

Allegato D

 

Istruzioni per l'accesso in rete dalle sale crociera, sottocrociera, sala A

Utilizzando un proprio PC portatile è possibile collegarsi alle rete di Ateneo dalla sala A e dalla sala Sottocrociera attraverso gli hotspot wireless, previa autenticazione con le credenziali della posta elettronica d’Ateneo.
Per connettersi è necessaria una scheda di rete wireless 802.11b/g compatibile.
Ulteriori informazioni sulla rete e sul suo utilizzo sono disponibili sul sito della Divisione Telecomunicazioni: http://www.divtlc.unimi.it/Rete/hotspot.html [apre in una nuova finestra]<&ImageTitle=P>

In sala Crociera e in sala Sottocrociera sono inoltre attive le seguenti prese di rete:

sala Crociera:
prese 79-108, 151-180, 143-154, 208-219 

sala Sottocrociera:
prese 95-97, 103-110 e 269-272 (studenti);
65-72, 285-312 (docenti)

Il cavo Ethernet 10/100 RJ45 necessario per il collegamento potrà essere richiesto in prestito per la giornata all’ingresso delle sale.

La procedura per accedere alla rete e usufruire dei servizi previsti è diversa per il personale d’Ateneo e per gli studenti.

a) Per gli utenti con indirizzo del tipo
- nome.cognome@unimi.it 

Dopo aver collegato il pc alla rete, aprire un browser (Internet Explorer, Firefox, Opera…).
All’interno della maschera che richiede username e password inserire le credenziali della posta elettronica di Ateneo (nome.cognome@unimi.it ) e dare conferma.
N.B. Se il nome è particolarmente lungo, non è possibile digitare l’indirizzo per intero.
Sarà comunque possibile effettuare l’autenticazione, poiché il sistema considera validi anche i nomi troncati.
Entro pochi secondi comparirà la pagina web richiesta. Sarà possibile effettuare qualsiasi operazione utilizzando la rete.

b) Per gli utenti con indirizzo del tipo
- …@studenti.unimi.it
- …@silsis.unimi.it
- …@guest.unimi.it (L’indirizzo @guest.unimi.it va richiesto alla Divisione Telecomunicazioni con un modulo scaricabile alla pagina www.divtlc.unimi.it)
- …@utenti.unimi.it

È necessario configurare il programma di navigazione (browser) in modo che questo utilizzi lo script di autoconfigurazione del proxy disponibile all’URL
http://users.unimi.it/banchedati/crociera.pac

Le modalità di configurazione sono diverse a seconda del browser utilizzato.
Es.:

utenti di Internet Explorer 6-7:

  • Barra dei menu: Strumenti > Opzioni Internet > Connessioni > Impostazioni LAN…
  • Nella finestra che si apre selezionare l’opzione ”Utilizza script di configurazione automatica” inserendo nel campo “Indirizzo” l’URL http://users.unimi.it/banchedati/crociera.pac
  • Cliccare su OK

utenti di Firefox:

  • Barra dei menu: Strumenti > Opzioni… > Avanzate > Rete >  Impostazioni LAN…
  • Nella finestra che si apre selezionare l’opzione ”configurazione automatica dei proxy” inserendo nel campo “Indirizzo” l’URL http://users.unimi.it/banchedati/crociera.pac
  • Cliccare su OK

All’interno della maschera che richiede username e password inserire le credenziali della posta elettronica di Ateneo e dare conferma.
Entro pochi secondi comparirà la pagina web richiesta, se l’attesa dovesse protrarsi sarà necessario digitare manualmente un indirizzo web.
Sarà possibile navigare in rete e consultare le risorse bibliografiche dell’ateneo.

c) Per gli utenti esterni all’ateneo

Gli utenti esterni all’Ateneo possono accedere solo alle risorse bibliografiche dell’ateneo: Opac, banche dati, periodici elettronici, dalle postazioni predisposte.
L’elenco delle risorse bibliografiche  consultabili si trova alla URL    www.sba.unimi.it/banchedati oppure www.sba.unimi.it/periodicielettronici
Utenti esterni Erasmus e portatori di malleveria che desiderano accedere ad internet devono richiedere le credenziali al personale della biblioteca, fornendo la fotocopia di un documento di identità.


Regolamento Biblioteca

(aggiornato a Gennaio 2008)

1.
La Biblioteca delle Facoltà di Giurisprudenza e di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Milano,
sita in Via Festa del Perdono, 7 è una biblioteca d’area che ha il fine di mettere a disposizione materiale
bibliografico e documentale necessari all’attività didattica e alla ricerca nell’ambito delle discipline
giuridiche, economiche e umanistiche.
La Biblioteca è strutturata in due sezioni: Sezione di Giurisprudenza e Sezione di Lettere e Filosofia. Ogni
sezione dispone di una dotazione propria. Gli organi della biblioteca sono elencati all’art.11 e le loro
funzioni descritte negli articoli successivi.

2.
Sono ammessi alla biblioteca tutti coloro che sono interessati alla consultazione del materiale bibliografico
posseduto.
I servizi della Biblioteca sono elencati nel successivo art. 8.

3.
La biblioteca dispone di fondi a carico del bilancio universitario la cui entità è stabilita ogni anno dal
Consiglio di amministrazione, sulla base di criteri definiti dal Senato accademico, cui si aggiungono
eventuali contributi diretti da parte delle facoltà, nonché stanziamenti di enti esterni o di privati.

4.
La biblioteca si configura come centro di costo, un centro di costo per ogni sezione, dotato di autonomia con
regime di istituto, e in quanto tale si uniforma alle procedure previste dal Regolamento d’ateneo per
l’amministrazione, la finanza e la contabilità.

5.
Materiali della biblioteca sono monografie e periodici italiani e stranieri a stampa o su altri supporti,
strumenti di ricerca bibliografica informatizzata e attrezzature connesse al funzionamento.
Il materiale della biblioteca è registrato in inventari distinti per sezione secondo le norme stabilite dal
Regolamento di ateneo per l’amministrazione, la finanza e la contabilità.

6.
Tutti i volumi acquisiti dalla Biblioteca e dalle strutture afferenti con fondi universitari di qualsiasi
provenienza ( contributi, fondi di ricerca,etc.), nonché quelli pervenuti in donazione e scambio, devono
essere catalogati con i sistemi in uso ed essere accessibili all’utenza attraverso il catalogo in linea
dell’Ateneo.

7.
La biblioteca è dotata di personale ad essa assegnato dal Consiglio di amministrazione dell’università e si
può avvalere della collaborazione degli studenti ai servizi dell’Università, a norma dell’articolo 13 della
legge 2.12.91 n.390 e successive modificazioni, nonché dei prestatori del Servizio sostitutivo civile

8.
Sono servizi della biblioteca:
la consultazione in sede
il prestito a domicilio
il prestito interbibliotecario
il servizio di informazioni bibliografiche
la riproduzione dai diversi supporti
Altri servizi potranno essere introdotti su proposta dei Consigli di sezione della Biblioteca e approvati dal
Consiglio congiunto.
La biblioteca può stipulare convenzioni con enti esterni per la fornitura di servizi
Sono utenti dei servizi della biblioteca
a) i docenti, i ricercatori, i collaboratori linguistici, i borsisti, gli iscritti ai dottorati di ricerca, alle scuole di
specialità e ai corsi di perfezionamento dell’Ateneo.
b) gli studenti regolarmente iscritti a tutti i corsi previsti dall’Ateneo.
Sono inoltre utenti
a) docenti e studenti delle Università convenzionate
b) esterni che abbiano interesse alla consultazione del materiale bibliografico posseduto
Le modalità di erogazione e di accesso a tali servizi sono precisate nell’apposito allegato

9.
Gli orari di apertura sono stabiliti dai Consigli di sezione della Biblioteca e approvati dal Consiglio
congiunto.

10.
Alla Biblioteca delle Facoltà di Giurisprudenza e di Lettere e Filosofia afferiscono biblioteche di settore
autonome, biblioteche di settore, costituite presso le strutture afferenti alle due Facoltà , come segue:

Facoltà di Giurisprudenza:
Biblioteche di settore
Biblioteca del Dipartimento di diritto privato e storia del diritto
Biblioteca del Dipartimento di Diritto pubblico,processuale civile, internazionale ed europeo
Biblioteca del Dipartimento di economia, diritto del lavoro e diritto tributario
Biblioteca del Dipartimento di Scienze giuridiche ecclesiasticistiche, filosofiche-sociologiche e penalistiche “Cesare
Beccaria”.

Facoltà di Lettere e Filosofia
Biblioteche di settore
Biblioteca del Dipartimento di Geografia e scienze umane dell’ambiente..
Biblioteca del Centro di documentazione sugli Stati Uniti
Biblioteca del Dipartimento di scienze del linguaggio e letterature straniere comparate.
Biblioteca del Dipartimento di studi linguistici letterari e filologici, Europa settentrionale e orientale.
Biblioteche di settore autonome:
Biblioteca di filosofia
Biblioteca di scienze della storia e documentazione storica
Biblioteca di Scienza dell’antichità e Filologia moderna
Biblioteca di storia delle arti, della musica e dello spettacolo

Qualora le strutture coordinate dovessero subire variazioni, tali variazioni saranno comunicate agli organi
competenti.
Ogni biblioteca di settore e di settore autonomo raccorda le proprie funzioni con quelle della Biblioteca
d’area in modo da garantire omogeneità di gestione del materiale bibliografico e documentale e un’offerta
integrata dei servizi.
Con il supporto tecnico della Biblioteca d’area o agendo direttamente con proprio personale, ogni struttura
garantisce per tutti i volumi acquisiti con fondi universitari di qualsiasi provenienza (contributi, fondi di
ricerca ecc. ), nonché di quelli pervenuti in donazione o cambio:
la registrazione su un proprio inventario,
la catalogazione per l’OPAC (catalogo online) d’Ateneo,
l’accessibilita’ per l’utenza.
Il materiale bibliografico collocato presso i fondi librari che non dispongono di servizi bibliotecari strutturati
come da regolamento, è comunque reso accessibile all’utenza attraverso il catalogo unico e i servizi della
Biblioteca d’area

11.
Organi della Biblioteca d’area sono:
Il Consiglio della sezione di giurisprudenza
Il Consiglio della sezione di lettere e filosofia
Il Consiglio congiunto delle due sezioni
I Direttori scientifici.

12.
I Consigli di sezione della Biblioteca d’area sono gli organi di indirizzo, programmazione e coordinamento
delle attività comuni della biblioteca, anche con riguardo al raccordo con le biblioteche di settore , i fondi
librari, le biblioteche di settore autonome presenti nelle Facoltà, nel quadro dei criteri dettati dalla
commissione di ateneo per le biblioteche.
I Consigli di sezione della Biblioteca d’area sono composti rispettivamente da:

Per la Facoltà di Giurisprudenza
- il Direttore scientifico designato con mandato triennale
-i Direttori di Dipartimento e/o loro delegati in numero non superiore a 4, per ciascun dipartimento
- il Direttore della biblioteca
-2 rappresentanti del personale in servizio presso la Biblioteca d’area e presso le biblioteche dei
Dipartimento, eletti con mandato triennale rispettivamente, uno dal personale in servizio presso la
Biblioteca d’area e uno dal personale in servizio presso le biblioteche dei Dipartimenti della Facoltà di
Giurisprudenza
-2 rappresentanti degli studenti designati con mandato biennale dai rappresentanti degli studenti nel
Consiglio di facoltà.

Per la Facoltà di Lettere e Filosofia
-Il Direttore scientifico designato con mandato triennale.
-i direttori di dipartimento o loro delegati dei Dipartimenti di Scienze del linguaggio e letterature straniere
comparate, di Studi linguistici letterari e filologici, e del Dipartimento di geografia e scienze umane
dell’ambiente, nonché dai direttori scientifici delle biblioteche di settore autonome della Facoltà.
-il Direttore della Biblioteca .
-2 rappresentanti del personale in servizio presso la Biblioteca d’area e le biblioteche dei dipartimenti, eletti
con mandato triennale rispettivamente, dal personale in servizio presso la Biblioteca d’area e dal personale
in servizio presso le biblioteche dei dipartimenti della Facoltà di Lettere e Filosofia
-2 rappresentanti degli studenti designati con mandato biennale dai rappresentanti degli studenti nel
Consiglio di facoltà.

13.
Compongono il Consiglio congiunto della Biblioteca d’area:
-i due direttori scientifici delle sezioni attivate
-tre membri per ogni Consiglio di sezione
-il Direttore della Biblioteca
Il Consiglio congiunto della Biblioteca è un organo di coordinamento. Il Consiglio è convocato e presieduto
dal Direttore scientifico con la maggior anzianità di ruolo, a parità, dal più anziano d’età
Spetta al Consiglio congiunto:
-approvare il bilancio preventivo e il conto consuntivo deliberati dai Consigli di sezione
-deliberare su argomenti di interesse comuni sottoposti dai Consigli di sezione

14.
I Direttori scientifici delle sezioni sono docenti di ruolo designati dai Presidi delle Facoltà con mandato
triennale non rinnovabile consecutivamente più di una volta. La designazione è approvata dal Consiglio di
facoltà.
Compete ai Direttori scientifici:
-convocare e presiedere il Consiglio di sezione della biblioteca;
-sovrintendere all’attuazione di tutte le delibere del Consiglio vigilando sul buon funzionamento dei servizi
e sul loro coordinamento anche rispetto alle biblioteche di settore afferenti;
-sottoporre annualmente al Consiglio il bilancio preventivo e il conto consuntivo predisposto dal Direttore
della biblioteca;
-esercitare tutte le attribuzioni conferitegli dal Consiglio di sezione della biblioteca o dal proprio Consiglio
di facoltà.
In caso di assenza o di temporaneo impedimento il Direttore scientifico può delegare le sue funzioni a un
componente del Consiglio.

15.
Ciascun Consiglio di sezione della Biblioteca d’area si riunisce in seduta ordinaria almeno una volta ogni
tre mesi, e comunque quando lo convochi il Direttore scientifico, ovvero su richiesta del Direttore della
biblioteca o di almeno un terzo dei componenti del Consiglio stesso
Spetta al Consiglio di sezione della Biblioteca:
-approvare annualmente, con riguardo alla dotazione, il bilancio preventivo e quello consuntivo predisposti
dal Direttore e presentati dal Direttore scientifico;
- programmare annualmente le spese generali e per i vari servizi deliberando sulla ripartizione e
sull’utilizzo delle risorse a disposizione;
- avanzare eventuali richieste di ulteriori finanziamenti e di personale in relazione a motivate esigenze di
funzionamento della biblioteca;
- esprimere indicazioni al Direttore della biblioteca sull’efficienza dei servizi attivati e circa l’utilizzazione
dei mezzi, nonché, nel rispetto delle normative vigenti, del personale in servizio;
- approvare le spese superiori ai limiti fissati nel regolamento di Ateneo per l’amministrazione la finanza e la
contabilità;
-esercitare tutte le altre attribuzioni che gli sono demandate dagli organi accademici e dai consigli di facoltà.
Le riunioni dei consigli di sezione sono verbalizzate a cura del Direttore della biblioteca e copia del verbale ,
firmato dal Direttore scientifico e controfirmato dal Direttore della Biblioteca, deve essere inviata alla
Divisione coordinamento biblioteche.
Il bilancio preventivo e il conto consuntivo delle due sezioni sono compilati tenendo distinte le competenze
di ciascuna sezione. Ogni Consiglio di sezione delibera preventivamente per le parti di sua competenza, in
relazione alle proprie fonti di entrata e ai diversi obiettivi di spesa. Successivamente il bilancio preventivo e
il conto consuntivo sono sottoposti all’approvazione, in riunione congiunta, dei delegati dei due Consigli di
sezione.

16.
Il Direttore della biblioteca è un funzionario appartenente all’area delle biblioteche di categoria EP e
comunque di categoria non inferiore alla D, nominato con mandato triennale rinnovabile dal Rettore su
proposta del Direttore amministrativo.
Il Direttore è responsabile dell’attuazione degli indirizzi e dei programmi definiti dai Consigli di sezione
della biblioteca d’area, cura la gestione ordinaria della biblioteca e dei suoi servizi e ne assicura la
funzionalità anche rispetto alle biblioteche di settore afferenti.
Compete al Direttore della biblioteca d’area:
- predisporre, in attuazione dei programmi e dei criteri definiti dagli organi collegiali della biblioteca, i
documenti di bilancio preventivo e di conto consuntivo da sottoporre ad approvazione annuale;
- curare l’attuazione del programma annuale delle attività e degli interventi, provvedendo all’acquisto dei
libri, periodici, produzione multimediale, apparecchiature e attrezzature in base alle disposizioni degli
organi collegiali e alle indicazioni dei Direttori scientifici;
- curare la gestione amministrativa e assicurare la custodia dei beni inventariali di
competenza della struttura e almeno ogni cinque anni provvede alla ricognizione di sezioni del materiale
bibliografico inventariato;
- curare la gestione biblioteconomica della struttura attuando le disposizioni a riguardo dei competenti
organi centrali (Commissione d’ateneo per le biblioteche e Divisione coordinamento biblioteche);
- curare l’organizzazione del lavoro e la gestione del personale in servizio;
- attuare tutti gli altri adempimenti eventualmente richiesti dai Consigli di Biblioteca, dalla Divisione
coordinamento biblioteche e dalla Direzione amministrativa dell’Università .

Tale regolamento e’ stato approvato dal Consiglio di Facoltà di Giurisprudenza nella seduta del 23.03.2000 e dal Consiglio di Facoltà di Lettere e Filosofia nella seduta del 03.05.2000 , dal Senato Accademico nella seduta del 13.06.2000 e dal Consiglio d’Amministrazione nella seduta del 30.05.2000;

aggiornamenti approvati:
Senato Accademico seduta del 15.01.2008; Consiglio di Facoltà di Giurisprudenza 16.01.2008; Consiglio di Amministrazione 29.01.2008