Document Delivery

Cos'è

Le fotoriproduzioni dei documenti, ferme restando le norme sulla salvaguardia del diritto d’autore*, vengono inviate gratuitamente alle biblioteche in rapporto di reciprocità, salvo il pagamento delle eventuali spese di spedizione postale.

Per gli utenti interni (studenti regolarmente iscritti e quelli ospiti dell’Università nell’ambito di programmi di scambio ufficiali, docenti, compresi quelli ospiti, ricercatori, lettori, iscritti ai dottorati di ricerca, alle scuole di specializzazione, ai corsi di perfezionamento e ai master, titolari di assegni di ricerca, tutors, borsisti, laureati frequentatori, cultori della materia, personale tecnico-amministrativo dell’Università degli Studi di Milano) è possibile richiedere ad altre biblioteche italiane copia di documenti (articoli di periodici, capitoli o parti di monografie etc.) non possedute dalla nostra Biblioteca, sempre nel rispetto della normativa vigente in materia di diritto d'autore.

La Biblioteca Biologica può fornire a pagamento, sulla base di convenzioni e accordi, copie di documenti anche a biblioteche e centri di documentazione di enti o aziende private.

Come funziona

Dopo avere accertato attraverso la consultazione del Catalogo collettivo d'Ateneo(OPAC) che la rivista o il volume contenente il documento desiderato non sia presente in Biblioteca, è necessario rivolgersi all'ufficio Document Delivery, che provvederà a individuare le biblioteche in possesso di quanto richiesto dall'utente e ad inoltrare a una di esse domanda di fornitura. L'esito della richiesta verrà comunicato all'utente per posta elettronica o per telefono.
E' possibile anche inoltrare richieste da posizione remota attraverso il servizio NILDE-Utenti; la domanda, vagliata dalla nostra Biblioteca, verrà automaticamente inoltrata alla biblioteca fornitrice. L'utente verrà opportunamente informato tramite messaggistica elettronica delle fasi di elaborazione della richiesta.

Costi

Il servizio è gratuito. Nel caso la biblioteca fornitrice richieda un pagamento del proprio servizio e/o un rimborso delle spese di fotoriproduzione e affrancatura, il costo è a carico dell'utente.


*ex. L. 248 del 18 agosto 2000, art. 2:
"È consentita, conformemente alla convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie ed artistiche, ratificata e resa esecutiva ai sensi della legge 20 giugno 1978, n. 399, nei limiti del quindici per cento di ciascun volume o fascicolo di periodico, escluse le pagine di pubblicità, la riproduzione per uso personale di opere dell'ingegno effettuata mediante fotocopia, xerocopia o sistema analogo."